Rivolgo a questo forum un dubbio teorico in quanto probabilmente più
esperto.
L'interpretazione stratigrafica con penetrometro si avvale di alcune
carte di classificazione a seconda del tipo di penetrometro utilizzato.
Cito quelle di mia conoscenza:
- punta meccanica: Begemann (1965), Schmertmann (1978)
- punta elettrica: Douglas e Olsen (1981)
- punta con piezocono: Robertson (1986 o 1990).

L'ultima di Robertson (trascurando la parte relativa alle misure delle
sovrapressioni neutre) è "la più evoluta" non solo perché considera
uno strumento più evoluto ma anche perché introduce gli ulteriori
parametri della tensione verticale efficace e totale che servono per
normalizzare l'fs e la qc. Quindi, in un certo senso, è più
normalizzata e completa di quella di Schmertmann.

A vostro avviso è corretto applicare la carta di Robertson (1990) su
prove con punta meccanica?
Che voi sappiate, dal 1978 a oggi, sono state pubblicate altre carte di
classificazione per penetrometri con punta meccanica?

Saluti