+ Reply to Thread
Results 1 to 11 of 11
  1. #1
    fabio55 Guest

    Privacy Email aziendale

    Ho da poco lasciato una ditta dove avevo una email aziendale
    nome.cognome.ditta.com .

    Alcuni giorni dopo avere rassegnato le dimissioni la ditta ha deviato
    su un mio collega tutte le email a me indirizzate e lo ha fatto senza
    avvisarmi.

    Premetto che non avevo assolutamente niente da nascondere ma non mi
    sembra comunque corretto che una persona legga email a me indirizzate,
    anche se di lavoro.

    E' corretto un comportamneto del genere?

    Grazie

    Fabio

  2. #2
    Gabriele Guest

    Re: Privacy Email aziendale

    Il Tue, 26 Jan 2010 12:58:38 -0800, fabio55 ha scritto:

    > Vorrei solo precisare che hanno fatto deviare le email quando ero ancora
    > dipendente, non dopo la mia uscita.


    E' un comportamento scorretto. Prima e dopo le tue dimissioni.

  3. #3
    Michele Guest

    Re: Privacy Email aziendale

    "Gabriele" <pierrotlefou.vene.dave.it> ha scritto nel messaggio
    news:4b5f6d44$1.news.x-privat.org...
    > Il Tue, 26 Jan 2010 12:58:38 -0800, fabio55 ha scritto:
    >
    >> Vorrei solo precisare che hanno fatto deviare le email quando ero ancora
    >> dipendente, non dopo la mia uscita.

    >
    > E' un comportamento scorretto. Prima e dopo le tue dimissioni.


    E quale sarebbe il comportamento corretto?
    Lo chiedo perchè mi interesserebbe saperlo...

    Michele



  4. #4
    Frankie NiBBle ® Guest

    Re: Privacy Email aziendale

    mercoledì 27/01/2010 alle 0.35.13, Michele scrisse su it.diritto la
    seguente novella:

    > E quale sarebbe il comportamento corretto?


    Prima di dimettersi il dipendente manda una circolare ai contatti,
    avvisandoli che dal giorno x cessarà il suo rapporto con l'azienda, che
    il suo indirizzo e-mail verrà chiuso e avvisandoli di contattare y in
    caso di necessità

    L'azienda chiude l'indirizzo e-mail il giorno delle dimissioni.

    Da noi funziona così.

    --
    Frankie NiBBle
    "Anche le vene possono essere interessate
    da aterosclerosi ( vedi flebite venosa )" - Mister X su it.salute -



  5. #5
    fabio55 Guest

    Re: Privacy Email aziendale

    On 27 Gen, 08:21, Frankie NiBBle ® <frankie.nib..............> wrote:
    > mercoledì 27/01/2010 alle 0.35.13, Michele scrisse su it.diritto la
    > seguente novella:
    >
    > > E quale sarebbe il comportamento corretto?

    >
    > Prima di dimettersi il dipendente manda una circolare ai contatti,
    > avvisandoli che dal giorno x cessarà il suo rapporto con l'azienda, che
    > il suo indirizzo e-mail verrà chiuso e avvisandoli di contattare y in
    > caso di necessità
    >
    > L'azienda chiude l'indirizzo e-mail il giorno delle dimissioni.
    >
    > Da noi funziona così.
    >
    > --
    > Frankie NiBBle
    > "Anche .le vene possono essere interessate
    > da aterosclerosi ( vedi flebite venosa )" - Mister X su it.salute -


    E quindi è stata commessa qualche violazione alla privacy o altro di
    più grave?
    Grazie

  6. #6
    Frankie NiBBle ® Guest

    Re: Privacy Email aziendale

    mercoledì 27/01/2010 alle 11.07.03, fabio55 scrisse su it.diritto la
    seguente novella:

    > E quindi è stata commessa qualche violazione alla privacy o altro di
    > più grave?


    Non so, francamente.

    Googlando ho trovato questo:

    http://www.unolegal.it/site/dettagli...lo.php?cod=815

    dove leggo

    "
    Secondo il Tribunale, infatti, nell’indirizzo di posta elettronica è
    indicato l’identificativo dell’azienda (unica titolare dell’indirizzo).
    Inoltre, il servizio informatico dell’azienda può accedere ai pc
    aziendali, grazie alla security-policy resa nota a tutti i dipendenti e
    di seguito adottata.

    L’indirizzo di posta elettronica dell’azienda, al di là. dell’uso solo
    apparentemente personale da parte del lavoratore, può sempre essere
    messo a disposizione di altri dipendenti dell’impresa, al fine, ad
    esempio, di consentire la regolare continuità. dell’attività. aziendale
    in caso di ferie o malattia del consuetudinario utilizzatore"

    --
    Frankie NiBBle
    "Anche le vene possono essere interessate
    da aterosclerosi ( vedi flebite venosa )" - Mister X su it.salute -



  7. #7
    Michele Guest

    Re: Privacy Email aziendale

    "Frankie NiBBle ®" <frankie.nibble...........> ha scritto nel messaggio
    news:mn.d9f57da1175b80d8.81136.FrankieNiBBle...
    >> E quale sarebbe il comportamento corretto?

    >
    > Prima di dimettersi il dipendente manda una circolare ai contatti,
    > avvisandoli che dal giorno x cessarà il suo rapporto con l'azienda, che il
    > suo indirizzo e-mail verrà chiuso e avvisandoli di contattare y in caso di
    > necessità


    Scusa ma questa cosa a me pare davvero opinabile se si vuole affermare che
    sia una pratica normale.
    Ovviamente in un'azienza, da te, può legittimamente funzionare così però
    molte aziende potrebbero non gradire il fatto che l'interruzione del
    rapporto di lavoro con un dipendente diventi una questione pubblica verso i
    clienti.
    Il fatto che si dimetta un dipendente, magari coinvolto in un progetto che
    l'azienda sta discutendo col cliente, potrebbe mettere in cattiva luce
    l'azienda stessa e la sua capacità di portare avanti quel progetto in tempi
    rapidi. Se sei una realtà con qualche decina di dipendenti e non in MS o
    Google, il know how di un dipendente potrebbe essere non immediatamente
    sostituibile da qualcun altro. Questo vorrebbe dire che un'altra figura
    debba essere inserita nel team necessitando di un tempo ragionevole di
    apprendimento, magari superiore al tempo di preavviso di chi se ne sta
    andando.

    > L'azienda chiude l'indirizzo e-mail il giorno delle dimissioni.


    Se hai anche solo qualche decina di contatti, per me è impensabile che tutti
    questi clienti recepiscano la circolare e non scrivano mai più al vecchio
    indirizzo. Potrebbero averlo nella rubrica del portatile aziendale,
    potrebbero rispondere ad una vecchia mail invece di farne una nuova. Mi
    vengono in mente mille casi. Dubito che un'azienda corra coscentemente il
    rischio di perdersi comunicazioni potenzialmente importanti.

    > Da noi funziona così.
    >


    Onestamente da noi no. La chiusura del rapporto di lavoro con un dipendente
    non è stata comunicata preventivamente ai clienti e per quanto ne so
    l'indirizzo email dell'ex dipendente è si stato eliminato ma eventuali mail
    ad esso dirette vengono lette da un account "superiore" che fa il catch di
    queste particolari situazioni.

    Michele



  8. #8
    Paolo B. Guest

    Re: Privacy Email aziendale

    Il 26/01/2010 21.46, fabio55 ha scritto:
    > Ho da poco lasciato una ditta dove avevo una email aziendale
    > nome.cognome.ditta.com .


    > Alcuni giorni dopo avere rassegnato le dimissioni la ditta ha deviato
    > su un mio collega tutte le email a me indirizzate e lo ha fatto senza
    > avvisarmi.


    > E' corretto un comportamento del genere?


    Penso proprio che sia un'azione che l'azienda può operare.

    L'email è uno strumento aziendale e come tale può gestirlo.

    Se questa email veniva utilizzata per contatti di lavoro, per fare in
    modo che le attività in corso non subiscano problemi, ritengo che
    l'operazione non violi nessuna norma.

    Immagino che il collega che riceve queste email inviti chi scrive a non
    utilizzare più il vecchio indirizzo, ma questo è buon senso.

    A mio avviso un paragone simile è l'utilizzo di un telefono aziendale
    con annesso numero.
    Se clienti o altri hanno come riferimento Nome Cognome che risponde a
    quel numero in quanto dipendente della Ditta, quando non fa più parte
    dell'azienda è corretto che la ditta si riprenda il telefono ed il
    numero e lo passi a chi sostituisce la persona.


    --
    TYPOlight - CMS accessibile in PHP
    http://www.typolightcms.it
    http://www.typolight.org

  9. #9
    Frankie NiBBle ® Guest

    Re: Privacy Email aziendale

    mercoledì 27/01/2010 alle 20.18.05, Michele scrisse su it.diritto la
    seguente novella:

    > Ovviamente in un'azienza, da te, può legittimamente funzionare così però
    > molte aziende potrebbero non gradire il fatto che l'interruzione del rapporto
    > di lavoro con un dipendente diventi una questione pubblica verso i clienti.


    Se un dipendente ha un rapporto verso i clienti o in generale verso
    terzi, come nascondere il fatto che questi se ne va?
    E' molto più corretto e onesto far scrivere due righe al dipendente
    "Caro cliente / fornitore / partner, dal giorno "x" cesserò il mio
    rapporto con l'azienda. Ti introduco fin fa adesso "y" che mi
    sosituirà. Lavorare con te è stato un piacere ... bla..bla..bla"

    > Il fatto che si dimetta un dipendente, magari coinvolto in un progetto che
    > l'azienda sta discutendo col cliente, potrebbe mettere in cattiva luce
    > l'azienda stessa e la sua capacità di portare avanti quel progetto in tempi
    > rapidi.


    E che allora si tenga stretto il dipendente.
    Come pensi di poter tener celato il fatto ? Che scusa ti inventi?
    Quanto tempo pensi possa durare? Che figura ci fai col tuo
    interlocutore?
    Molto meglio metterlo al corrente. Nel caso la competenza del figliol
    prodigo non sia rilocabile in tempi brevi il cliente capirà il disagio
    che si sta affrontando (e capirà anche che l'azienda non ha un buona
    gestione delle risorse, ma tant'è.. lo capirebbe lo stesso).

    >> L'azienda chiude l'indirizzo e-mail il giorno delle dimissioni.


    > Se hai anche solo qualche decina di contatti, per me è impensabile che tutti
    > questi clienti recepiscano la circolare


    Ma la circolare non viene mandata il giorno prima. Si parla di diverse
    settimane (almeno un mese)

    > e non scrivano mai più al vecchio
    > indirizzo. Potrebbero averlo nella rubrica del portatile aziendale,
    > potrebbero rispondere ad una vecchia mail invece di farne una nuova.


    ... che prontamente gli torna indietro. A quel punto rammenteranno...

    >> Da noi funziona così.


    > Onestamente da noi no.


    Il mondo è bello perchè è vario :-))

    --
    Frankie NiBBle
    "Dell'intelligenza non so cosa farmene ..."- Mister X su it salute



  10. #10
    zuppo Guest

    Re: Privacy Email aziendale

    ....... ha scritto:

    >Telefoni a pinco pallo e chiedi l'autorizzazione ad aprire la sua posta,


    L'ufficio protocollo, incaricato dal legale rappresentante, riceve TUTTA la
    corrispondenza aziendale, la apre TUTTA e la smista.

    La cautela da te citata potrebbe valere per una lettera indirizzata:
    "Sig.Pinco Pallo presso Azienda - Riservata Personale".

    Per le email sarebbe ora che le aziende impostassero il server in modo da
    inoltrare copia di tutte le email in entrata e in uscita ad apposita mailbox
    "protocollo" a disposizione del legale rappresentantetutte, come si sarebbe
    fatto ai tempi del solo cartaceo.



    --
    Questo articolo e` stato inviato dal sito web http://www.nonsolonews.it

  11. #11
    edi'® Guest

    Re: Privacy Email aziendale

    "......." <.......-ulm.web.de> ha scritto

    >> Se vuoi equipararla ad una lettera il destinatario sarebbe:
    >> Spett. Azienda Taldeitali
    >> C/Att Sig. Pinco Pallo
    >>
    >> Se il signor Pallo ha lasciato l'azienda cosa fai, cestini la lettera?

    >
    >
    > Telefoni a pinco pallo e chiedi l'autorizzazione ad aprire la sua posta,
    > oppure ti fai rilasciare autorizzazione scritta ad aprire la posta all'atto
    > delle dimissioni.


    Non è la "sua" posta, è la posta diretta all'azienda e messa alla sua
    attenzione. Non mi inoltro in ulteriori esempi del tipo "e se Pallo non
    è rintracciabile? e se Pallo non firma? etc..."
    Mi limito a farti presente che ciò che affermi è qualcosa che riguarda
    la tua personale e rispettabilissima sensibilità, non qualche norma del
    codice (almeno che io sappia).

    E.D.


Similar Threads

  1. Dubbio violazione privacy interno aziendale, URGENTE.
    By pinnaweb@hotmail.com in forum it.lavoro.consulenti
    Replies: 0
    Last Post: 09-25-2008, 09:51 PM
  2. Re: Mail offensive su email aziendale...
    By [VaFfa] in forum it.diritto.internet
    Replies: 4
    Last Post: 02-08-2005, 12:04 AM
  3. Re: Mail offensive su email aziendale...
    By Gianluca Gilardi in forum it.diritto
    Replies: 0
    Last Post: 02-06-2005, 07:54 AM
  4. Re: Mail offensive su email aziendale...
    By Alex Sbr in forum it.diritto
    Replies: 0
    Last Post: 02-06-2005, 01:10 AM
  5. Email aziendale
    By Bambam in forum it.diritto.internet
    Replies: 18
    Last Post: 11-14-2003, 07:51 AM

Posting Permissions

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
If you are still using perl webstats, then give GoStats a try.  It's free.