+ Reply to Thread
Results 1 to 5 of 5
  1. #1
    Luciana Vega Guest

    Libro giornale e marche da bollo

    Dobbiamo farci una fornitura particolare?

    Le nuove marche recano la data.

    Come la mettiamo se stampiamo un registro ad ottobre e ci accorgiamo che
    occorreva una marca da bollo in + considerato che sulle nuove marche vi e'
    apposta la data?

    Quale sarebbe la sanzione?

    Si corre il rischio dell'inattendibilita' delle scritture contabili?

    Luciana Vega



  2. #2
    bobby Guest

    Re: Libro giornale e marche da bollo

    On 24 Set, 19:03, "Luciana Vega" <studio.conde....xxxinwind.it> wrote:
    > Dobbiamo farci una fornitura particolare?
    >
    > Le nuove marche recano la data.
    >
    > Come la mettiamo se stampiamo un registro ad ottobre e ci accorgiamo che
    > occorreva una marca da bollo in + considerato che sulle nuove marche vi e'
    > apposta la data?
    >
    > Quale sarebbe la sanzione?
    >
    > Si corre il rischio dell'inattendibilita' delle scritture contabili?
    >


    IMHO assolutamente no!

    Per me è, semmai, omesso pagamento dell'imposta di bollo.....i libri
    non vengono presi in considerazione se quando viene fatta richiesta
    non vengono esibiti e allora scatta l'inattendibilità.

    Credo che comprarne un po di più non, comunque, una brutta idea.



  3. #3
    bobby Guest

    Re: Libro giornale e marche da bollo

    On 24 Set, 21:05, bobby <delafue..............> wrote:

    >
    > Credo che comprarne un po di più non SIA, comunque, una brutta idea.



    sorry ;-)))))))


  4. #4
    lacroix Guest

    Re: Libro giornale e marche da bollo

    Luciana Vega ha scritto:


    > Si corre il rischio dell'inattendibilita' delle scritture contabili?


    > Luciana Vega



    Assolutamente no. Da "Fiscooggi" del 09/08/2005:

    DISPOSIZIONI SANZIONATORIE
    Si è già detto che se da un lato l'articolo 8, comma 1, della legge
    383/2001 ha abolito la bollatura preventiva dei libri e registri
    contabili, dall'altro ne ha conservato l'obbligo della numerazione
    progressiva.
    Di conseguenza, si può certamente affermare che la disposizione
    sanzionatoria di cui all'articolo 9 del Dlgs 471/97(49) trasla i suoi
    effetti dalla mancata o irregolare bollatura iniziale alla mancata o
    irregolare numerazione (ad esempio, mancato rispetto della progressione,
    attribuzione dello stesso numero a due o più pagine, eccetera).

    Tuttavia, si deve evidenziare che l'articolo 7 del Dlgs 32/2001 ha
    introdotto nel Dlgs 472/1997 l'articolo 6, comma 5-bis, il quale prevede
    che non sono punibili le violazioni che non arrecano pregiudizio
    all'esercizio delle azioni di controllo e non incidono sulla
    determinazione della base imponibile, dell'imposta e sul versamento del
    tributo.
    L'Agenzia delle Entrate, nella circolare del 3 agosto 2001, n. 77/E, ha
    affermato il concetto secondo cui ai fini della mancata sanzionabilità
    l'omissione o la violazione debba essere "meramente formale" e cioè del
    tutto irrilevante in un'ottica sostanziale e inoltre che non rechi alcun
    pregiudizio ai fini del corretto espletamento dei controlli.
    E' evidente allora che qualora tale irregolarità abbia, anche in
    combinazione con altre, reso più difficoltoso per gli organi accertatori
    ricostruire le irregolarità poste in essere dal contribuente, essa non
    possa più costituire una violazione formale e quindi dovrà essere
    sanzionata ai sensi dell'articolo 9 del citato decreto 471/97.
    Sarà l'ufficio locale delle Entrate, nelle specifiche concrete
    circostanze, a valutare la formalità o la sostanzialità dell'irregolarità
    posta in essere al fine di accertare il reale pregiudizio sull'attività di
    controllo.

    Da evidenziare, infine, come l'eventuale mancato pagamento dell'imposta di
    bollo, fermo l'assoggettamento alle conseguenti sanzioni amministrative,
    pari da una a cinque volte l'imposta evasa (articolo 5, comma 1, Dlgs
    473/97), non integri la violazione di irregolare tenuta delle scritture
    contabili, qualora le pagine risultino regolarmente numerate.
    L'articolo 3, comma 2, del Dlgs 18 dicembre 1997, n. 472, disciplina il
    principio favor rei in base al quale nessuno può essere assoggettato a
    sanzione per un fatto che, secondo una legge posteriore, non costituisce
    più una violazione punibile.
    Di conseguenza, le violazioni relative all'abrogato obbligo di bollatura
    non sono più sanzionabili ai sensi dell'articolo 9 del Dlgs 18 dicembre
    1997, n. 471, anche se commesse prima dell'entrata in vigore della legge.
    L'Agenzia delle Entrate, nella circolare 22 ottobre 2001, n. 92/E, ha
    chiarito che, qualora la sanzione per omessa bollatura sia già stata
    irrogata con provvedimento definitivo, il debito residuo si estingue, ma
    non è ammesso il rimborso di quanto pagato. In altri termini, la
    definitività del provvedimento o il passaggio in giudicato della sentenza,
    non consentono al contribuente di richiedere quanto già versato ma gli
    permette di estinguere l'eventuale debito residuo.


    Ai fini civilistici, invece, se ne sentono di tutti i colori, c'è anche
    chi dice che il bollo deve avere data anteriore alla prima scrittura
    registrata. A me pare che non sia così.

    Ciao



    --


    questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
    http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad abuse.newsland.it



  5. #5
    Luciana Vega Guest

    Re: Libro giornale e marche da bollo

    Perfetto!!!

    Infinite grazie

    Luciana Vega


    "lacroix" <nonvalida.nonvalida.com> ha scritto nel messaggio
    news:fdaf1h$l1p$1.news.newsland.it...
    > Luciana Vega ha scritto:
    >
    >
    >> Si corre il rischio dell'inattendibilita' delle scritture contabili?

    >
    >> Luciana Vega

    >
    >
    > Assolutamente no. Da "Fiscooggi" del 09/08/2005:
    >
    > DISPOSIZIONI SANZIONATORIE
    > Si è già detto che se da un lato l'articolo 8, comma 1, della legge
    > 383/2001 ha abolito la bollatura preventiva dei libri e registri
    > contabili, dall'altro ne ha conservato l'obbligo della numerazione
    > progressiva.
    > Di conseguenza, si può certamente affermare che la disposizione
    > sanzionatoria di cui all'articolo 9 del Dlgs 471/97(49) trasla i suoi
    > effetti dalla mancata o irregolare bollatura iniziale alla mancata o
    > irregolare numerazione (ad esempio, mancato rispetto della progressione,
    > attribuzione dello stesso numero a due o più pagine, eccetera).
    >
    > Tuttavia, si deve evidenziare che l'articolo 7 del Dlgs 32/2001 ha
    > introdotto nel Dlgs 472/1997 l'articolo 6, comma 5-bis, il quale prevede
    > che non sono punibili le violazioni che non arrecano pregiudizio
    > all'esercizio delle azioni di controllo e non incidono sulla
    > determinazione della base imponibile, dell'imposta e sul versamento del
    > tributo.
    > L'Agenzia delle Entrate, nella circolare del 3 agosto 2001, n. 77/E, ha
    > affermato il concetto secondo cui ai fini della mancata sanzionabilità
    > l'omissione o la violazione debba essere "meramente formale" e cioè del
    > tutto irrilevante in un'ottica sostanziale e inoltre che non rechi alcun
    > pregiudizio ai fini del corretto espletamento dei controlli.
    > E' evidente allora che qualora tale irregolarità abbia, anche in
    > combinazione con altre, reso più difficoltoso per gli organi accertatori
    > ricostruire le irregolarità poste in essere dal contribuente, essa non
    > possa più costituire una violazione formale e quindi dovrà essere
    > sanzionata ai sensi dell'articolo 9 del citato decreto 471/97.
    > Sarà l'ufficio locale delle Entrate, nelle specifiche concrete
    > circostanze, a valutare la formalità o la sostanzialità dell'irregolarità
    > posta in essere al fine di accertare il reale pregiudizio sull'attività di
    > controllo.
    >
    > Da evidenziare, infine, come l'eventuale mancato pagamento dell'imposta di
    > bollo, fermo l'assoggettamento alle conseguenti sanzioni amministrative,
    > pari da una a cinque volte l'imposta evasa (articolo 5, comma 1, Dlgs
    > 473/97), non integri la violazione di irregolare tenuta delle scritture
    > contabili, qualora le pagine risultino regolarmente numerate.
    > L'articolo 3, comma 2, del Dlgs 18 dicembre 1997, n. 472, disciplina il
    > principio favor rei in base al quale nessuno può essere assoggettato a
    > sanzione per un fatto che, secondo una legge posteriore, non costituisce
    > più una violazione punibile.
    > Di conseguenza, le violazioni relative all'abrogato obbligo di bollatura
    > non sono più sanzionabili ai sensi dell'articolo 9 del Dlgs 18 dicembre
    > 1997, n. 471, anche se commesse prima dell'entrata in vigore della legge.
    > L'Agenzia delle Entrate, nella circolare 22 ottobre 2001, n. 92/E, ha
    > chiarito che, qualora la sanzione per omessa bollatura sia già stata
    > irrogata con provvedimento definitivo, il debito residuo si estingue, ma
    > non è ammesso il rimborso di quanto pagato. In altri termini, la
    > definitività del provvedimento o il passaggio in giudicato della sentenza,
    > non consentono al contribuente di richiedere quanto già versato ma gli
    > permette di estinguere l'eventuale debito residuo.
    >
    >
    > Ai fini civilistici, invece, se ne sentono di tutti i colori, c'è anche
    > chi dice che il bollo deve avere data anteriore alla prima scrittura
    > registrata. A me pare che non sia così.
    >
    > Ciao
    >
    >
    >
    > --
    >
    >
    > questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
    > http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad abuse.newsland.it
    >
    >




Similar Threads

  1. Giornale di contabilità: risparmiare sulle marche da bollo
    By AndreaT in forum it.annunci.commerciali
    Replies: 0
    Last Post: 07-16-2009, 09:41 AM
  2. Marche da bollo su giornale
    By BERTOGLIO TRASPORTI SNC in forum it.economia.fisco
    Replies: 1
    Last Post: 02-27-2007, 02:10 PM
  3. marche da bollo su libro giornale ed inventari
    By crima in forum it.discussioni.commercialisti
    Replies: 3
    Last Post: 11-07-2006, 10:46 AM
  4. marche da bollo su libro giornale
    By aleee in forum it.economia.fisco
    Replies: 9
    Last Post: 11-02-2005, 11:10 AM
  5. marche bollo per libro giornale
    By Stefano Ravo in forum it.discussioni.commercialisti
    Replies: 2
    Last Post: 11-22-2004, 07:39 AM

Posting Permissions

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
If you are still using perl webstats, then give GoStats a try.  It's free.