+ Reply to Thread
Page 1 of 2 1 2 LastLast
Results 1 to 25 of 35
  1. #1
    coco.iaia@tiscali.it Guest

    A proposito di salvavita...

    Dopo aver trovato l'ennesimo freezer scongelato chiedo ... AIUTO!!!
    Premesso che il salvavita si stacca in presenza di temporali, ma anche
    di pioggerelline, o addirittura con il bel tempo, e anche se gli
    elettrodomestici sono tutti spenti, il problema è che dopo non si
    riesce più a riattaccare se non dopo molto tempo e svariati tentativi,
    ad esempio staccando gli interruttori (non spegnendoli, ma togliendo la
    corrente) degli elettrodomestici in cucina (accensione gas,
    lavastoviglie, frigo, microonde ecc.) e riporvando più volte finché
    non riparte. Abbiamo avuto l'impressione che la lavastoviglie centrasse
    qualcosa con il problema, in quanto è capitato qualche volta che, dopo
    aver ripristinato il tutto, quando siamo andati a riattaccare gli
    elettrodomestici, arrivati a lei il salvavita si stacca di nuovo. Mi
    domando: se la "colpa" fosse la sua, non dovrebbe succedere sempre? In
    più, il problema si ripresenta quasi sempre quando è tutto spento, e
    gli elettrodomestici non sono in funzione.
    Abbiamo chiamato un elettricista, il quale, senza neanche cercare il
    problema, ha detto che avrebbe cambiato il salvavita. Potrebbe servire
    a qualcosa? non sarebbe meglio trovare prima la causa del problema?
    Scusate le domande banali, ma di queste cose non ne capisco veramente
    niente.


  2. #2
    Fabbrogiovanni Guest

    Re: A proposito di salvavita...


    <coco.iaia.tiscali.it> ha scritto nel messaggio
    news:1146864766.872006.25200.i39g2000cwa.googlegro ups.com...

    Abbiamo chiamato un elettricista, il quale, senza neanche cercare il
    problema, ha detto che avrebbe cambiato il salvavita. Potrebbe servire
    a qualcosa? non sarebbe meglio trovare prima la causa del problema?
    Scusate le domande banali, ma di queste cose non ne capisco veramente
    niente.

    >>>>>>>>>>>>>>


    La tua conclusione mi ricorda un po' quei clienti che perdono le chiavi di
    casa (porta blindata), chimano il fabbro (me) e sono convinti che con la
    telefonata hanno risolto il problema:-)
    Come fabbro democratico lascio sempre a loro la scelta, sfondare porta,
    segare inferriata o scardinare persiana e rompere vetro, praticare apertura
    se sanno indicarmi un muro non troppo spesso.

    Dato che l'intervento del salvavita avviene in modo random come da tua
    descrizione non sarà facile trovare prima la causa del problema.
    Tecnicamente è possibile, l'elettricista potrebbe provare, smontare, aprire,
    controllare ecc. tutto quello di elettrico che hai in casa.
    Forse ci vorrà qualche giorno di lavoro ma trovato il guasto si cambierà a
    colpo sicuro il componente.

    Io lascerei cambiare il salvavita, se sei fortunato risparmi tutto il resto.

    --
    Fabbrogiovanni





  3. #3
    Boiler Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    On Fri, 5 May 2006 23:59:56 +0200, "Fabbrogiovanni"
    <fabbro,giovanni.INVALID.email.it> wrote:

    >Come fabbro democratico lascio sempre a loro la scelta, sfondare porta,
    >segare inferriata o scardinare persiana e rompere vetro, praticare apertura
    >se sanno indicarmi un muro non troppo spesso.


    Mi sto immaginando la faccia dei clienti mentre elenchi loro le
    possibilità ;-)

    Boiler

  4. #4
    Lorenzo Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    Boiler wrote:

    > On Fri, 5 May 2006 23:59:56 +0200, "Fabbrogiovanni"
    > <fabbro,giovanni.INVALID.email.it> wrote:
    >
    >>Come fabbro democratico lascio sempre a loro la scelta, sfondare porta,
    >>segare inferriata o scardinare persiana e rompere vetro, praticare
    >>apertura se sanno indicarmi un muro non troppo spesso.

    >
    > Mi sto immaginando la faccia dei clienti mentre elenchi loro le
    > possibilità ;-)


    Deve essere una scena tipo Hunter quando elenca i diritti all'arrestato,
    magari con anche gli occhiali da sole

    --
    Controlla gli errori per rispondermi in e-mail!

  5. #5
    Fabbrogiovanni Guest

    Re: A proposito di salvavita...


    "Lorenzo" <tinisys.virrgillio.it> ha scritto nel messaggio
    news:445c1ab6$0$18286$4fafbaef.reader1.news.tin.it ...

    >>>Come fabbro democratico lascio sempre a loro la scelta, sfondare porta,
    >>>segare inferriata o scardinare persiana e rompere vetro, praticare
    >>>apertura se sanno indicarmi un muro non troppo spesso.

    >>
    >> Mi sto immaginando la faccia dei clienti mentre elenchi loro le
    >> possibilità ;-)

    >
    > Deve essere una scena tipo Hunter quando elenca i diritti all'arrestato,
    > magari con anche gli occhiali da sole


    Sembra una barzelletta ma mi è capitato diverse volte.
    Quando scoprono che al fabbro non basta dire "apriti sesamo" si ricordano
    che hanno una chiave di riserva dalla mamma o dalla sorella che abita nel
    paesino vicino.

    E la loro conclusione logica è "mi spiace che l'ho fatta venire per niente"
    oppure "la ringrazio tanto per essere venuto subito".
    I più brillanti invece "devo darle qualcosa per il disturbo?" (sottinteso:
    vorrai mica essere pagato per aver fatto niente)

    --
    Fabbrogiovanni




  6. #6
    Sitel Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    Mi sembra che La Ticino o la Gewis producano un salvavita con riarmo
    automatico dopo x secondi.
    Magari.....


    ciao



    <coco.iaia.tiscali.it> wrote in message
    news:1146864766.872006.25200.i39g2000cwa.googlegro ups.com...
    Dopo aver trovato l'ennesimo freezer scongelato chiedo ... AIUTO!!!
    Premesso che il salvavita si stacca in presenza di temporali, ma anche
    di pioggerelline, o addirittura con il bel tempo, e anche se gli
    elettrodomestici sono tutti spenti, il problema è che dopo non si
    riesce più a riattaccare se non dopo molto tempo e svariati tentativi,
    ad esempio staccando gli interruttori (non spegnendoli, ma togliendo la
    corrente) degli elettrodomestici in cucina (accensione gas,
    lavastoviglie, frigo, microonde ecc.) e riporvando più volte finché
    non riparte. Abbiamo avuto l'impressione che la lavastoviglie centrasse
    qualcosa con il problema, in quanto è capitato qualche volta che, dopo
    aver ripristinato il tutto, quando siamo andati a riattaccare gli
    elettrodomestici, arrivati a lei il salvavita si stacca di nuovo. Mi
    domando: se la "colpa" fosse la sua, non dovrebbe succedere sempre? In
    più, il problema si ripresenta quasi sempre quando è tutto spento, e
    gli elettrodomestici non sono in funzione.
    Abbiamo chiamato un elettricista, il quale, senza neanche cercare il
    problema, ha detto che avrebbe cambiato il salvavita. Potrebbe servire
    a qualcosa? non sarebbe meglio trovare prima la causa del problema?
    Scusate le domande banali, ma di queste cose non ne capisco veramente
    niente.



  7. #7
    Enrico Guest

    Re: A proposito di salvavita...


    "Sitel" <sitel.noemail.it> ha scritto nel messaggio
    news:lS_6g.111324$A83.2620922.twister1............. .

    > Abbiamo chiamato un elettricista, il quale, senza neanche cercare il
    > problema, ha detto che avrebbe cambiato il salvavita. Potrebbe servire
    > a qualcosa? non sarebbe meglio trovare prima la causa del problema?
    > Scusate le domande banali, ma di queste cose non ne capisco veramente
    > niente.


    Domanda per nulla banale... questo elettricista mi sembra un tantino
    superficiale.

    L'idea del riarmo automatico è buona e te la consiglio, però il tuo impianto
    ha altri problemi da risolvere prima di montare il differenziale della
    gewiss e cioè bisogna suddividere un pò il tutto su almeno due salvavita
    diversi... potresti montarne uno a riarmo per i soli elettrodomestici ed uno
    normale (quello esistente) lasciarlo per il resto, e se hai un giardino
    farne mettere uno solo per quello.

    Sostituire il differenziale come proposto dal tuo elettricista funzionerebbe
    montandone uno meno sensibile, ma non te lo consiglio.


    Enrico.
    >
    >




  8. #8
    Steve dei Bernardi Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    Il Sat, 06 May 2006 00:07:31 +0200, Boiler <INVALID.gg..........>
    scrive:

    >On Fri, 5 May 2006 23:59:56 +0200, "Fabbrogiovanni"
    ><fabbro,giovanni.INVALID.email.it> wrote:
    >
    >>Come fabbro democratico lascio sempre a loro la scelta, sfondare porta,
    >>segare inferriata o scardinare persiana e rompere vetro, praticare apertura
    >>se sanno indicarmi un muro non troppo spesso.

    >
    >Mi sto immaginando la faccia dei clienti mentre elenchi loro le
    >possibilità ;-)
    >

    Soprttutto l'ultima

    --

    ************************************************** **********
    * Visita il sito ufficiale del gruppo: http://www.i-h-f.it *
    ************************************************** **********
    Stefano Aglietti - StallonIt on IRCnet - ICQ#: 2078431
    Email: steve.40annibuttati.it steagl.people.it
    Sites: http://www.40annibuttati.it - http://www.wordpress-it.it
    http://www.lacollinaincantata.it

  9. #9
    Marina Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    coco.iaia.tiscali.it wrote:

    > Premesso che il salvavita si stacca in presenza di temporali, ma
    > anche di pioggerelline, o addirittura con il bel tempo, e anche se
    > gli elettrodomestici sono tutti spenti, il


    Il mio invece non salta mai. Se c'e' un sovraccarico lui resta li'
    bello imperturbabile e salta il contatore che si trova nel cortile. Non
    c'e' modo di far scattare quello della cucina? altrimenti per quale
    motivo ne ho messo uno solo per la cucina?

  10. #10
    Boiler Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    On Sat, 06 May 2006 20:42:51 GMT, Marina <marinabruni.chepalle.it>
    wrote:

    >Il mio invece non salta mai. Se c'e' un sovraccarico lui resta li'
    >bello imperturbabile e salta il contatore che si trova nel cortile. Non
    >c'e' modo di far scattare quello della cucina? altrimenti per quale
    >motivo ne ho messo uno solo per la cucina?


    Un salvavita non scatta in caso di sovraccarico. È giusto che sia
    così.

    Sono i magnetotermici che proteggono dal sovraccarico.

    Boiler

  11. #11
    R.L. Deboni Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    Marina wrote:

    > Il mio invece non salta mai. Se c'e' un sovraccarico lui resta li'
    > bello imperturbabile


    Se non c'e' dispersione, e' giusto che sia cosi'. Il salvavita salta se
    passa corrente dalla fase a qualche cosa che non fa parte dell'impianto
    elettrico, ad esempio una sua amica ... :-)

    > e salta il contatore che si trova nel cortile.


    Vediamo di capire. Se per sovraccarico intende dire l'avere superato la
    potenza contrattuale, allora la soluzione e' farsi installare
    un'interruttore magnetotermico in casa (cosi' risparmia la passeggiata)
    di corrente tale da scattare prima del limitatore di potenza del suo
    contatore. Ad esempio, se ha un contratto da 3 kW, un magnetotermico da
    13A dovrebbe andare bene.

    > Non
    > c'e' modo di far scattare quello della cucina?


    Mi dica che tutte le sigle ed i codici scritti sull'oggetto che ha in
    cucina che vedo di capire che cosa ha e cosa si puo' fare.

    > altrimenti per quale
    > motivo ne ho messo uno solo per la cucina?


    Questo c'e' lo dovrebbe spiegare lei, se lo "ha messo" in cucina :-)

    R.L.Deboni

  12. #12
    Marina Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    "R.L. Deboni" <.......deboni.deboni.name> wrote:

    > Ad esempio, se ha un contratto da 3 kW, un magnetotermico da
    > 13A dovrebbe andare bene.


    Grazie per questo consiglio, e' complicato da installare?

    >
    >> Non
    >> c'e' modo di far scattare quello della cucina?

    >
    > Mi dica che tutte le sigle ed i codici scritti sull'oggetto che ha
    > in cucina che vedo di capire che cosa ha e cosa si puo' fare.


    E' un aggeggio marchiato bticino, con un interruttore sulla sinistra
    che dovrebbe essere generale e una serie di interruttori che
    corrispondono ai vari elettrodomestici, in modo da poter levare
    corrente solo al forno o al frigo per esempio.

    >
    >> altrimenti per quale
    >> motivo ne ho messo uno solo per la cucina?

    >
    > Questo c'e' lo dovrebbe spiegare lei, se lo "ha messo" in cucina
    > :-)


    e' solo per l'impianto della cucina, poi ne ho un altro per il restante
    impianto, con un interruttore per stanza.


  13. #13
    Marina Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    Boiler <INVALID.gg..........> wrote:

    > Un salvavita non scatta in caso di sovraccarico. È giusto che sia
    > così.
    >
    > Sono i magnetotermici che proteggono dal sovraccarico.


    Non lo sapevo, grazie.

  14. #14
    R.L. Deboni Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    Marina wrote:

    > E' un aggeggio marchiato bticino, con un interruttore sulla sinistra
    > che dovrebbe essere generale e una serie di interruttori che
    > corrispondono ai vari elettrodomestici, in modo da poter levare
    > corrente solo al forno o al frigo per esempio.


    Donna, donna, ... :-)

    Ho chiesto le sigle che ci sono sicuramente scritte, magari in piccolo.
    Posso cosi' conoscere il modello e consultando il catalogo Bticino
    sapere le caratteristiche.

    Esempio, se e' Bticino lei trova sigle del tipo:

    F8xxx/nn oppure G2xx/nn

    poi ci potrebbe essere scritto:

    btdin45
    btdin60

    poi:

    C10
    C15
    C20
    C25

    solo per fare degli esempi.

    Potra' anche leggere 230V e un grosso numero come 4500 o 6000 o 10000,
    questi, invece, non mi interessano.

    R.L.Deboni

  15. #15
    Fabbrogiovanni Guest

    Re: A proposito di salvavita...


    "R.L. Deboni" <.......deboni.deboni.name> ha scritto nel messaggio
    news:4ca5ebF13eod5U1.individual.net...

    > Esempio, se e' Bticino lei trova sigle del tipo:


    Oh ......., perchè usi il "lei", non ci siamo abituati e sembra che vuoi
    mantenere le distanze:-)

    --
    Fabbrogiovanni



  16. #16
    Allegro1100 Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    "R.L. Deboni" ha scritto

    > Vediamo di capire. Se per sovraccarico intende dire l'avere superato la
    > potenza contrattuale, allora la soluzione e' farsi installare
    > un'interruttore magnetotermico in casa (cosi' risparmia la passeggiata)
    > di corrente tale da scattare prima del limitatore di potenza del suo
    > contatore. Ad esempio, se ha un contratto da 3 kW, un magnetotermico da
    > 13A dovrebbe andare bene.


    Non sono d'accordo: i nuovi contatori enel permettono dei brevi
    sovraccarichi oltre la potenza massima prima di scattare. Limitare
    ulteriormente a monte del contatore creerebbe ulteriori problemi, se gia'
    l'assorbimento ora e' a rischio.

    --
    A.''°°



  17. #17
    R.L. Deboni Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    Allegro1100 wrote:

    > Non sono d'accordo:


    Non si offenda, ma non mi interessa che sia d'accordo o meno. Si domandi
    invece, come mai non ha iniziato cosi' la sua email: "Pero' ..."

    > i nuovi contatori enel permettono dei brevi


    3 ore = brevi ?

    > sovraccarichi oltre la potenza massima prima di scattare. Limitare
    > ulteriormente a monte del contatore creerebbe ulteriori problemi,


    Quali ulteriori problemi ?

    > se gia'
    > l'assorbimento ora e' a rischio.


    E' ovviamente un compromesso. Ma mi trovi un'altra soluzione cosi'
    economica che eviti di uscire in accappatoio nel cortile in pieno
    inverno perche' il contatore e' saltato mentre era sotto la doccia ?

    Essendo un NG di fai-da-te, avrei anche potuto suggerire la soluzione:

    http://www.gpekit.com/details.asp?pr...cat=11&path=11

    un allarme consumo MK2760. Ma ho intravisto tre problemi:
    a) il kit e' da montare e non e' facile saldare per chi non lo ha mai
    fatto, anche se, essendo una donna, ha probabilmente la manualita';
    b) nonostante quello che sembra scritto, dato che il sensore e' un
    toroide, occorre staccare i fili elettrici, per infilarli nel sensore e
    poi ricollegarli e l'operazione e' meglio che la fa una persona pratica
    con il 230V;
    c) ci si deve munire anche di una scatola di plastica o isolante, dato
    che il kit e' venduto nudo;

    Il vantaggio che durante il periodo "di grazia" di tre ore a 3,8-4 kW
    non toglie la corrente, ma si limita a segnalare con la cicalina la
    situazione di sforamento.

    Per quando invece si e' assenti, se l'elettrodomestico "colpevole" e'
    sempre lo stesso (ad esempio la lavatrice), si potrebbe aggiungere un
    rele' con altri 10 euro, comandato dal MK2760, secondo il seguente
    schema di massima (impostare caratteri a spaziatura fissa):

    230V |
    |
    +----------+
    dal MK | |
    2760 \ |rele' 15A |alla lavatrice
    -------o o---+ |-------------->
    interruttore | |
    +----------+

    Dal MK2760 viene la tensione di controllo del rele', tensione che e'
    passata al rele' solo quando l'interruttore e' ON e quindi il rele'
    alimenta la lavatrice. L'interruttore serve solo ad evitare che il rele'
    resti alimentato continuamente anche quando non si usa la lavatrice.

    Altre soluzioni, come interruttori riarmabili costano una cifra ed in
    ogni caso sono gia' state suggerite in altri punti di questo thread.

    Un'ultima soluzione sono quelle di domonica (elettronica domestica,
    domotica viene dagli spagnoli ... :-). Ma costano ancora di piu'.

    In ogni caso, se volete, sempre con l'aiuto del MK2760 vi posso spiegare
    come si fa con prodotti della Bticino (i piu' economici).
    A proposito, qualcuno conosce un rivelatore allarme di consumo che costi
    meno od uguale al MK2760 e sia venduto gia' montato ?

    R.L.Deboni

  18. #18
    Allegro1100 Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    "R.L. Deboni" ha scritto

    > Non si offenda, ma non mi interessa che sia d'accordo o meno.


    Magari a qualcuno potrebbe interessare, non e' un dialogo a due questo...

    > Si domandi
    > invece, come mai non ha iniziato cosi' la sua email: "Pero' ..."


    Se ho scritto cosi' e' perche' ho voluto scrivere cosi', domande a
    posteriori non mi paiono pertinenti.

    > 3 ore = brevi ?


    Il "breve" o il "lungo" sono molto soggettivi; per me 3 ore possono essere
    brevi, per altri lunghe, ma non e' fondamentale. Il punto e' che il
    contatore permette dei sovraccarichi che invece il magnetotermico limitato
    solo in massima corrente non ammette. E se anche li ammettesse, dovrebbe
    forzatamente essere tarato in modo piu' restrittivo del contatore.

    > Quali ulteriori problemi ?


    Scatti intempestivi anche piu' frequenti.

    > E' ovviamente un compromesso. Ma mi trovi un'altra soluzione cosi'
    > economica che eviti di uscire in accappatoio nel cortile in pieno
    > inverno perche' il contatore e' saltato mentre era sotto la doccia ?


    La soluzione piu' intelligente e' quella di evitare di sovraccaricare
    l'impianto, stando un minimo (ma proprio un minimo, eh?) attenti a
    quanti/quali utilizzatori sono contemporaneamente in funzione. Ce la fanno
    milioni di italiani, senza ricorrere a costosi cicalini o a soluzioni
    fantasiose, seppur efficaci.

    --
    A.''°°



  19. #19
    R.L. Deboni Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    Allegro1100 wrote:

    > Se ho scritto cosi' e' perche' ho voluto scrivere cosi',


    .... maleducato ... :-)

    > domande a
    > posteriori non mi paiono pertinenti.


    .... permaloso ... :-)

    > fantasiose, seppur efficaci.


    .... ma leale. :-)

    R.L.Deboni

  20. #20
    Steve dei Bernardi Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    Il Tue, 9 May 2006 13:07:42 +0200, "Allegro1100"
    <allegro1100_nospam_...........> scrive:

    >La soluzione piu' intelligente e' quella di evitare di sovraccaricare
    >l'impianto, stando un minimo (ma proprio un minimo, eh?) attenti a
    >quanti/quali utilizzatori sono contemporaneamente in funzione. Ce la fanno
    >milioni di italiani, senza ricorrere a costosi cicalini o a soluzioni
    >fantasiose, seppur efficaci.


    Credo che proprio per il proliferare di questi problmei la Gwiss abbia
    ora un sistema di quadro elettrico che abbianto al riamo automatico ha
    anche la posibilità di monitorre i consumi e staccare certi
    utilizzatori nel caso si raggiugano determinati limiti.

    L'ho vista di sfuggita su una pubblicità su una di quelle riviste
    diarredo casa.

    --

    ************************************************** **********
    * Visita il sito ufficiale del gruppo: http://www.i-h-f.it *
    ************************************************** **********
    Stefano Aglietti - StallonIt on IRCnet - ICQ#: 2078431
    Email: steve.40annibuttati.it steagl.people.it
    Sites: http://www.40annibuttati.it - http://www.wordpress-it.it
    http://www.lacollinaincantata.it

  21. #21
    Bernardo Rossi Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    On Tue, 09 May 2006 11:53:27 GMT, Steve dei Bernardi
    <lacollinaincantata.despammed.com> wrote:

    >anche la posibilità di monitorre i consumi e staccare certi
    >utilizzatori nel caso si raggiugano determinati limiti.


    Gia' vedo la massaia che dice:
    Ho attaccato la lavatrice a quell'altra presa, a questa qui continuava
    a saltare.


    --

    Byebye from Verona, Italy

    Bernardo Rossi b.rossi.tin.it

  22. #22
    Fabbrogiovanni Guest

    Re: A proposito di salvavita...


    "Allegro1100" <allegro1100_nospam_...........> ha scritto nel messaggio
    news:VI_7g.1175$bH.635.tornado.fastwebnet.it...

    > La soluzione piu' intelligente e' quella di evitare di sovraccaricare
    > l'impianto, stando un minimo (ma proprio un minimo, eh?) attenti a
    > quanti/quali utilizzatori sono contemporaneamente in funzione. Ce la fanno
    > milioni di italiani


    Ti assumo per spiegarlo a mia moglie che tutte le volte che accende la
    lavatrice poi le viene voglia di fare una torta, e accende il forno ed io
    che sono innocente mi ritrovo di colpo col pc che si spegne? :-9

    --
    Fabbrogiovanni



  23. #23
    Marina Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    "R.L. Deboni" <.......deboni.deboni.name> wrote:

    > http://www.gpekit.com/details.asp?pr...cat=11&path=11


    Interessantissimo, grazie!
    Io non sarei capace di montarlo ma posso chiamare l'elettricsta.

    Le copio i codici del salvavita:
    questo sta sulla scritta bticino: d723A/25
    questo su ogni interruttore: E81NB/16

    Grazie.

  24. #24
    R.L. Deboni Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    R.L. Deboni wrote:

    > Per quando invece si e' assenti, se l'elettrodomestico "colpevole" e'
    > sempre lo stesso (ad esempio la lavatrice), si potrebbe aggiungere un
    > rele' con altri 10 euro, comandato dal MK2760, secondo il seguente
    > schema di massima (impostare caratteri a spaziatura fissa):
    >
    > 230V |
    > |
    > +----------+
    > dal MK | |
    > 2760 \ |rele' 15A |alla lavatrice
    > -------o o---+ |-------------->
    > interruttore | |
    > +----------+


    Qui devo fare una precisazione. Leggendo le caratteristiche del Gewiss
    Activo, mi sono reso conto che con il rele' sarebbe tutto un
    accendi/spegni. Puo' andare bene per una stufetta o il forno (forse). Na
    fa sicuramente male ad un motore elettrico.

    Invece del rele' e' sufficiente collegare il rele' del MK2760 ad una
    bobina di lancio abbinata ad un interruttore (magnetotermico o anche
    solo sezionatore) che alimenta il servizio o la linea che si vuole
    sacrificare.

    R.L.Deboni

  25. #25
    R.L. Deboni Guest

    Re: A proposito di salvavita...

    Steve dei Bernardi wrote:

    > Credo che proprio per il proliferare di questi problmei la Gwiss abbia
    > ora un sistema di quadro elettrico che abbianto al riamo automatico ha


    Immagino questa scena: una madre che carica la lavatrice, che ha un
    corto tra una fase e lo chassis. Impianto di terra ? C'e', ma nel bagno
    c'e' anche una stufetta elettrica che qualche volta viene accesa,
    percio' hanno messo una presa multipla. Naturalmente la presa multipla
    e' a standard italiano, e la spina della lavatrice e' una schuko. In
    teoria non dovrebbe entrare, ma sapete, una donna energica o un marito
    forzuto infilano la spina anche se non entra. Tutto funziona, peccato
    che la terra sia interrotta. Tornando alla donna, essa tocca con le mani
    bagnate dall'avere prelavato i colletti delle camicie, tocca una parte
    metallica e prende la scossa. Poco male, scatta il salvavita, ma la
    donna, forse per la pressione bassa, forse per l'emozione, sviene. Dopo
    un minuto il riarmo automatico verifica che non c'e' dispersione (il
    percorso dovuto al contatto con la mano e' interrotto perche' la vittima
    e' a terra) e ripristina l'alimentazione. Nel frattempo la donna
    rinviene, e ancora confusa, appoggia la mano alla lavatrice per
    rialzarsi e prende nuovamente la scossa. Nuovo scatto e nuovo
    svenimento. Un'altro minuto e la vittima prende la terza scossa. Il
    differenziale finalmente va in blocco, ma per la vittima e' stato
    troppo, il cuore si e' fermato.
    La comodita' ha sempre un prezzo. In questo caso mi sembra piuttosto
    elevato. Salvavita con il riarmo ? No, grazie !

    > anche la posibilità di monitorre i consumi e staccare certi
    > utilizzatori nel caso si raggiugano determinati limiti.


    Centralino Activo.
    Non riesco a dare il link diretto. Percio' cercate l'art.GW40801 nel sito:

    http://www.gewiss.com

    per cambiare lingua dovete fare la selezione in "Choose market"

    Purtroppo il sito, dal punto di vista della sicurezza e' pessimo,
    completamente javascript dipendente. Con tutte le sicurezza disattivate
    del browser si naviga bene, ma se il sito venisse sequestrato da un
    pirata informatico potreste trovarvi il PC infettato o peggio. Mi
    domando se i padroni della Gewiss sanno che cosa rischiano.

    Tornando al nostro centralino Activo, costa 645 euro al grossista.
    Pero' a quel prezzo sono possibili soluzioni domoniche complete che
    fanno ben'altro che solo "staccare".

    R.L.Deboni

Similar Threads

  1. Help su salvavita
    By ValeX in forum free.it.mestieri.elettricisti
    Replies: 4
    Last Post: 03-28-2008, 11:30 PM
  2. Salvavita
    By Tommaso \(Tommy\) in forum free.it.mestieri.elettricisti
    Replies: 4
    Last Post: 11-04-2006, 01:51 PM
  3. Salvavita
    By mr.krash@gmail.com in forum it.hobby.elettronica
    Replies: 3
    Last Post: 04-26-2006, 02:57 PM
  4. Salvavita
    By saro trovato in forum it.aiuto
    Replies: 3
    Last Post: 09-12-2003, 08:11 PM
  5. Re: salvavita
    By Fabio G. in forum it.hobby.elettronica
    Replies: 2
    Last Post: 07-08-2003, 09:44 PM

Posting Permissions

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
If you are still using perl webstats, then give GoStats a try.  It's free.