+ Reply to Thread
Results 1 to 9 of 9
  1. #1
    Mike Guest

    Procedura incasso note libero professionista

    Un libero professionista ha note per 10.000 euro e nel cassetto un
    assegno a copertura per 8.000 euro.
    Non vogliono pagarlo..qual'è la procedura + economica e veloce per
    riscuotere?..deve emettere le fatture e quindi pagare IVA & Co. per
    decreto ingiuntivo?
    Grazie
    --
    Per rispondere TOGLISPAM dall'indirizzo email. Bye Mike

  2. #2
    Mike Guest

    Re: Procedura incasso note libero professionista

    Il 21/04/2011 1.03, Mike ha scritto:
    > Un libero professionista ha note per 10.000 euro e nel cassetto un
    > assegno a copertura per 8.000 euro.
    > Non vogliono pagarlo..qual'è la procedura + economica e veloce per
    > riscuotere?..deve emettere le fatture e quindi pagare IVA & Co. per
    > decreto ingiuntivo?
    > Grazie


    ...ovviamente l'asegno attualmente risulta scoperto!
    --
    Per rispondere TOGLISPAM dall'indirizzo email. Bye Mike

  3. #3
    Mike Guest

    Re: Procedura incasso note libero professionista

    Il 21/04/2011 18.47, Gabriele Orlando ha scritto:
    > On Thu, 21 Apr 2011 01:03:59 +0200, Mike wrote:
    >


    > L'assegno va presentato per il pagamento e va eseguita la levata del
    > protesto.
    > Anche se il protesto non viene elevato, se non sono trascorsi 6 mesi dal
    > termine per la presentazione (8 o 15 giorni dalla data di emissione, in
    > base al comune in cui è pagabile) si può procedere direttamente alla
    > notifica del precetto ed all'esecuzione.
    >
    > In ogni caso il professionista può procedere al decreto ingiuntivo (ma
    > attenzione all'opposizione se non è stato incassato l'assegno o se questo
    > non è più incassabile per fatto imputabile al creditore), ma non gli
    > conviene emettere fattura perchà© spesso l'attività. del professionista è
    > assoggettata ad un regime fiscale tale per cui all'emissione del
    > documento contabile sorge la presunzione dell'incasso delle somme.
    >
    > Solitamente il professionista, se appartenente ad una "professione
    > protetta", può mandare al cliente una nota specifica delle sue spettanze
    > come "preavviso di parcella" o "fattura pro forma" ed ottenere dal suo
    > Ordine d'iscrizione un parere di congruità. sull'ammontare di quanto
    > richiesto.
    > Questi documenti sono sufficienti ad integrare la prova scritta richiesta
    > per l'emissione del decreto ingiuntivo.
    >
    >


    ...grazie per la cortese risposta..
    l'assegno a copertura è stato riemesso diverse volte e l'ultimo porta
    data 31/05/2011...
    Sono state inviate (tramite email..problema?) tutte le note pro forma
    per il totale dovuto e non c'è un Ordine a cui rivolgersi..
    per la congruità. si era stabilito un tot all'ora.. fino ad una certa
    data sono state pagate e poi stop..senza nessuna contestazione ma con
    la giustificazione della mancanza di liquidità...
    --
    Per rispondere TOGLISPAM dall'indirizzo email. Bye Mike

  4. #4
    Gabriele Orlando Guest

    Re: Procedura incasso note libero professionista

    On Thu, 21 Apr 2011 01:03:59 +0200, Mike wrote:

    > Un libero professionista ha note per 10.000 euro e nel cassetto un
    > assegno a copertura per 8.000 euro.
    > Non vogliono pagarlo..qual'è la procedura + economica e veloce per
    > riscuotere?..deve emettere le fatture e quindi pagare IVA & Co. per
    > decreto ingiuntivo?


    L'assegno va presentato per il pagamento e va eseguita la levata del
    protesto.
    Anche se il protesto non viene elevato, se non sono trascorsi 6 mesi dal
    termine per la presentazione (8 o 15 giorni dalla data di emissione, in
    base al comune in cui è pagabile) si può procedere direttamente alla
    notifica del precetto ed all'esecuzione.

    In ogni caso il professionista può procedere al decreto ingiuntivo (ma
    attenzione all'opposizione se non è stato incassato l'assegno o se questo
    non è più incassabile per fatto imputabile al creditore), ma non gli
    conviene emettere fattura perchà© spesso l'attività. del professionista è
    assoggettata ad un regime fiscale tale per cui all'emissione del
    documento contabile sorge la presunzione dell'incasso delle somme.

    Solitamente il professionista, se appartenente ad una "professione
    protetta", può mandare al cliente una nota specifica delle sue spettanze
    come "preavviso di parcella" o "fattura pro forma" ed ottenere dal suo
    Ordine d'iscrizione un parere di congruità. sull'ammontare di quanto
    richiesto.
    Questi documenti sono sufficienti ad integrare la prova scritta richiesta
    per l'emissione del decreto ingiuntivo.


    --
    Gabriele Orlando
    Avvocato in Palermo

  5. #5
    Mike Guest

    Re: Procedura incasso note libero professionista

    Il 21/04/2011 20.14, Gabriele Orlando ha scritto:
    > On Thu, 21 Apr 2011 18:27:46 +0200, Mike wrote:
    >


    > Allora in quel giorno si porta in banca, lo si gira per l'incasso, e la
    > banca provvederà. al resto.
    >



    ...però si potrebbe presentarlo anche prima.. si rischia di arrivare
    tardialtrimenti!..la data è stata messa senza il parere del consulente
    che ha accettato il nuovo assegno relativo a competenze anche di
    inizio 2010...
    --
    Per rispondere TOGLISPAM dall'indirizzo email. Bye Mike

  6. #6
    Gabriele Orlando Guest

    Re: Procedura incasso note libero professionista

    On Thu, 21 Apr 2011 18:27:46 +0200, Mike wrote:

    > ..grazie per la cortese risposta..
    > l'assegno a copertura è stato riemesso diverse volte e l'ultimo porta
    > data 31/05/2011...


    Allora in quel giorno si porta in banca, lo si gira per l'incasso, e la
    banca provvederà. al resto.

    > Sono state inviate (tramite email..problema?) tutte le note pro forma
    > per il totale dovuto e non c'è un Ordine a cui rivolgersi.. per la
    > congruità. si era stabilito un tot all'ora.. fino ad una certa data sono
    > state pagate e poi stop..senza nessuna contestazione ma con la
    > giustificazione della mancanza di liquidità...


    Allora si possono incrociare le dita e sperare di trovare qualcosa quando
    si andrà. in esecuzione.

    --
    Gabriele Orlando
    Avvocato in Palermo

  7. #7
    Mike Guest

    Re: Procedura incasso note libero professionista

    Il 22/04/2011 14.27, Gabriele Orlando ha scritto:

    >
    > Certo, ma così facendo diventa chiara la postdatazione ed allora si
    > concretizza la violazione dell'imposta di bollo.
    > In tal caso si renderà. opportuno pagarla assieme alle sanzioni previste,
    > altrimenti l'assegno non potrà. essere utilizzato come titolo esecutivo.
    >
    >


    .... l'imposta di bollo e la sanzione le dovrebbe pagare il
    beneficiario o l'emittente dell'assegno?.. sapresti dirmi di che
    importi parliamo spannometricamente?..sono proporzionali all'ammontare
    dell'assegno?
    Grazie
    --
    Per rispondere TOGLISPAM dall'indirizzo email. Bye Mike

  8. #8
    Gabriele Orlando Guest

    Re: Procedura incasso note libero professionista

    On Thu, 21 Apr 2011 19:55:32 +0200, Mike wrote:

    >
    > ..però si potrebbe presentarlo anche prima.. si rischia di arrivare
    > tardialtrimenti!..la data è stata messa senza il parere del consulente
    > che ha accettato il nuovo assegno relativo a competenze anche di inizio
    > 2010...


    Certo, ma così facendo diventa chiara la postdatazione ed allora si
    concretizza la violazione dell'imposta di bollo.
    In tal caso si renderà. opportuno pagarla assieme alle sanzioni previste,
    altrimenti l'assegno non potrà. essere utilizzato come titolo esecutivo.


    --
    Gabriele Orlando
    Avvocato in Palermo

  9. #9
    Gabriele Orlando Guest

    Re: Procedura incasso note libero professionista

    On Fri, 22 Apr 2011 13:48:34 +0200, Mike wrote:

    > ... l'imposta di bollo e la sanzione le dovrebbe pagare il beneficiario
    > o l'emittente dell'assegno?.. sapresti dirmi di che importi parliamo
    > spannometricamente?..sono proporzionali all'ammontare dell'assegno?
    > Grazie


    Sempre rimanendo in linea teorica: l'assegno messo all'incasso potrebbe
    essere segnalato all'Agenzia delle Entrate che andrebbe a considerarlo
    una cambiale (a causa della postdatazione) ed applicare l'imposta in
    misura del 12 per mille del valore indicato, oltre alla sanzione pari al
    doppio dell'imposta.

    In pratica, invece, è molto più semplice: basta verificare se la banca ha
    versato all'origine l'imposta per il carnet di assegni e, in ogni caso,
    spendere due parole in merito con il notaio che eleverà. il protesto.

    --
    Gabriele Orlando
    Avvocato in Palermo

Similar Threads

  1. Incasso parcella di un professionista e la valuta bancaria
    By gutenberg in forum it.discussioni.commercialisti
    Replies: 8
    Last Post: 01-19-2009, 08:17 AM
  2. professionista e incasso di 2000 euro!
    By marta in forum it.economia.fisco
    Replies: 11
    Last Post: 12-28-2006, 12:48 PM
  3. incasso contante per professionista
    By polfemo61@alice.it in forum it.discussioni.commercialisti
    Replies: 21
    Last Post: 09-09-2006, 10:19 AM
  4. INCASSO PROFESSIONISTA
    By Franco in forum it.economia.fisco
    Replies: 1
    Last Post: 06-19-2006, 10:46 AM
  5. libero professionista e note a piè di lista
    By jocker in forum it.economia.fisco
    Replies: 2
    Last Post: 04-05-2006, 07:05 PM

Posting Permissions

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
If you are still using perl webstats, then give GoStats a try.  It's free.